CNS Response


"Con Salesforce riusciamo a gestire il crowdsourcing delle cure mediche in metà tempo."

– George Carpenter
CEO

CNS Response inserisce il crowdsourcing nel settore medico

È possibile utilizzare il crowdsourcing per trovare qualsiasi risorsa, a partire dai buoni ristoranti fino ai parrucchieri più economici. Tuttavia, questo concetto non è stato ancora utilizzato per scopi molto più seri, come ad esempio aiutare i professionisti del settore sanitario a curare le patologie psichiatriche dei propri pazienti. CNS Response (il cui nome deriva dall'inglese "Central nervous system", ovvero "sistema nervoso centrale") è un'innovativa azienda di neuroscienze che gestisce un database utile ai medici per scambiare informazioni sulla risposta e sul risultato delle cure mediche prescritte ai pazienti. Grazie al registro online di CNS, i medici possono utilizzare il crowdsourcing per ricevere suggerimenti sull'efficacia dei trattamenti psichiatrici e delle cure mediche prescritte a pazienti con pattern cerebrali analoghi.

"L'individuazione del corretto trattamento medico per la depressione o per il disturbo post-traumatico da stress è un processo basato su tentativi. Pertanto, possono verificarsi numerosi fallimenti prima di individuare il trattamento più efficace", spiega George Carpenter, CEO. "Grazie al nostro database, i medici riescono a comprendere l'efficacia dei trattamenti sui propri pazienti e a individuare la terapia con maggiori probabilità di successo". Si tratta di un risultato importante per il 10% degli americani che assume antidepressivi, di cui solo la metà riesce a ottenere risultati positivi.

Il database di CNS contiene già oltre 35.000 record: secondo le previsioni, tale cifra dovrebbe raddoppiare entro la fine del 2013. Tutte queste informazioni sono contenute in Salesforce e possono essere visualizzate e aggiornate da psichiatri e medici in maniera molto semplice. Anche trovandosi nelle sale di visita insieme ai pazienti, i medici possono inserire informazioni attraverso un'applicazione personalizzata per iPad costruita sulla piattaforma di Salesforce, in modo da ottenere report personalizzati per i pazienti in tempo reale.

"Anche se il neuroimaging è oggetto di numerose innovazioni, utilizziamo ancora le medesime terapie a tentativi risalenti a 10 o 20 anni fa", spiega Carpenter. "Grazie a Salesforce possiamo aiutare i medici a individuare i trattamenti con maggiori probabilità di efficacia. In base ai primi risultati, stiamo riuscendo a dimettere i pazienti in metà tempo rispetto al metodo di trattamento tradizionale".

CNS può inoltre sfruttare i principali social network per aiutare i pazienti. In azienda, i dipendenti possono utilizzare Salesforce Chatter per condividere informazioni e collaborare all'assistenza di medici e pazienti. L'azienda utilizza anche Twitter per contattare i giornalisti che si occupano di casi di salute mentale e per restare aggiornati con le ultime notizie.

Sperimentazione con il Walter Reed Medical Center

Il catalizzatore che ha spinto CNS a entrare nel mondo del social è stato l'elevato tasso di suicidi rilevato nell'Esercito degli Stati Uniti. "Quest'anno, il numero delle vittime suicide è stato superiore a quello dei caduti in combattimento", spiega Carpenter. "Abbiamo pensato che, riuscendo a mettere in relazione le informazioni in possesso dei medici di tutto il Paese, avremmo potuto effettuare previsioni più precise e applicare le cure migliori ai soldati in meno tempo".

CNS sta iniziando una sperimentazione clinica della propria tecnologia di crowdsourcing insieme al Walter Reed National Military Medical Center, occupandosi del trattamento medico di 2000 pazienti a cui sono stati diagnosticati problemi mentali come depressione, disturbo post-traumatico da stress e traumi cranici lievi. "Speriamo di riuscire a salvare vite umane evitando ai pazienti militari il dolore e lo stress legato ai trattamenti inefficaci".

CNS Response
CNS Response
Prodotti utilizzati da CNS Response
Chat in tempo reale