Skip to content

Utilizziamo i cookie per rendere le interazioni con i nostri siti internet e servizi più semplici e utili, per comprendere meglio in che modo essi vengono utilizzati e per personalizzare la pubblicità. Potete leggere maggiori dettagli al riguardo ed effettuare le vostre scelte sui cookie qui. Continuando a navigare su questo sito, ci date il vostro consenso all'utilizzo dei cookie.

Il 2020, un tempo teatro dei film di fantascienza più futuristici, è ormai alle porte. Con l'avvicinarsi del nuovo decennio, i responsabili IT cercano di prevedere in che modo la tecnologia trasformerà il business per come lo conosciamo oggi.

Nel secondo report annuale sullo stato dell'IT, più di 2.200 leader IT esprimono la propria opinione sull'evoluzione futura del settore. 

Quali sono le 3 principali tecnologie destinate a rivoluzionare il business entro il 2020? [fai clic per twittare]

  1. Cloud computing

  2. Intelligenza artificiale (IA)

  3. Tecnologie mobile rivolte ai clienti 

Il motivo è chiaro. A fronte di una domanda di innovazione senza precedenti, sia da parte delle business unit che dei clienti, i team IT più all'avanguardia si rivolgono a tecnologie di base come queste per incrementare i livelli di intelligenza, velocità e agilità.

Il cloud computing è più sicuro che mai


Con le attuali funzionalità di sicurezza avanzate a livello di infrastruttura, rete e applicazioni, l'infrastruttura cloud è spesso più sicura delle applicazioni in sede, e se ne stanno accorgendo anche i responsabili IT. Infatti, l'83% dei responsabili IT afferma che oggi il proprio team sente di conoscere le problematiche di sicurezza del cloud molto meglio, rispetto a cinque anni fa. Il 65% prevede di incrementare i volumi di dati memorizzati nel cloud nei prossimi 12-18 mesi.

 

Inoltre, il 64% dei responsabili IT afferma che le linee di business con cui collaborano attribuiscono la massima priorità al cloud computing. Forbes ha recentemente pubblicato un report su uno studio analogo, prevedendo che entro 15 mesi l'80% di tutti i budget IT verrà destinato alle soluzioni cloud.

Con una piattaforma cloud, è possibile ottenere visibilità completa sulle attività degli utenti, crittografare agevolmente i dati archiviati, per soddisfare i requisiti di conformità, e persino impostare autorizzazioni granulari e politiche intelligenti basate sul comportamento per proteggere i propri dati.

L'era della IA è già iniziata


La IA è ormai parte integrante di quello che facciamo. Ad esempio, cominciamo la giornata controllando il meteo nella home page di Google, mentre guidiamo attiviamo l'app Waze che prevede il percorso ottimale per evitare il traffico, quando facciamo acquisti su Amazon riceviamo consigli sui prodotti, che prevedono le nostre esigenze in base agli acquisti precedenti, e alla fine della giornata torniamo a casa e attiviamo Netflix, che ci suggerisce gli spettacoli da guardare.

La IA sta diventando sempre più un'aspettativa standard dei clienti, anziché una semplice comodità aggiuntiva, imponendo ai responsabili IT di includerla tra le priorità principali nei prossimi 12-18 mesi. Rispetto ai team IT con performance insufficienti, quelli ad alte performance sono 2,2 volte più propensi a considerare la IA come una priorità elevata o critica.

Qualunque scenario di business moderno, infatti, presenta casi d'uso per la IA. Secondo i team di vendita, il ricorso a soluzioni IA che consigliano automaticamente i prodotti ai clienti in base alle relative preferenze aumenterà del 139% entro 36 mesi.

 

È facile capire perché i responsabili commerciali percepiscono una maggior diffusione della IA, ma il motivo del pessimismo dei responsabili IT è altrettanto chiaro. Queste persone hanno percepito e compreso che l'implementazione della IA richiede un vasto pool di tecnici e analisti di dati per la creazione dei modelli IA e di machine learning, ma purtroppo queste figure scarseggiano. Ma in una piattaforma come Salesforce tutti gli algoritmi IA necessari e i modelli predittivi sono integrati, ed è possibile aggiungere funzionalità di previsione alle app di clienti e dipendenti con semplici strumenti point-and-click.

Importanza critica della trasformazione delle tecnologie rivolte ai clienti attraverso il mobile
Nel nostro mondo mobile-first, è raro che la prima interazione di un cliente con un'azienda avvenga senza utilizzare il Web o un dispositivo mobile. Infatti, il 57% dei buyer aziendali e il 50% dei consumatori ha buone probabilità di abbandonare i brand che non forniscono un'esperienza mobile semplice da usare.

I nostri telefoni cellulari si sono trasformati in uno strumento di produttività. Gestiamo il business al telefono. E come se non bastasse, sia i clienti che i dipendenti si aspettano moltissimo dalle loro interazioni mobile, in termini di performance, esperienze utente e possibilità di accedere a dati contestuali in tempo reale.

·       Posso visualizzare i lead più interessanti in tempo reale?

·       Posso ricevere notifiche in tempo reale per verificare lo stato del mio magazzino prodotti?

·       Posso lavorare ai documenti e inviare approvazioni senza accedere al computer?

 Queste non sono solo domande, sono aspettative. E l'IT deve impegnarsi al massimo per soddisfarle nel più breve tempo possibile. Anche se l'81% di tutti i reparti IT sta guidando l'azienda nel percorso di trasformazione digitale (in aumento, rispetto al 75% del 2016), i team ad alte performance sono 2,8 volte più propensi ad affermare che la trasformazione della tecnologia rivolta ai clienti costituisce una priorità critica, rispetto a quelli con performance insufficienti.

 

 

Anche le richieste di tecnologia rivolta ai clienti sono aumentate, e l'IT è chiamato soddisfarle tempestivamente, ma con una mole enorme di lavoro arretrato da svolgere, sembra quasi impossibile. Le piattaforme low-code, come Salesforce, permettono all'IT di delegare lo sviluppo di alcune di queste app mobile agli utenti business, che possono utilizzare strumenti point-and-click per realizzare con un impegno minimo splendide app dotate di funzionalità complete, lasciando al personale IT il tempo di concentrarsi sulle più complesse app rivolte ai clienti, per offrire esperienze coinvolgenti.

La pressione aumenta
L'IT riceve richieste sempre più pressanti per la fornitura di tecnologie più potenti per il cloud computing, la IA e l'interazione con i clienti. Spetta all'IT stabilire la priorità delle risorse e trovare soluzioni per dirottare parte del carico, al fine di soddisfarle. Passando a una piattaforma low-code basata su cloud, è possibile semplificare il lavoro dell'IT, fornendo al tempo stesso esperienze più personalizzate e predittive per soddisfare queste aspettative superiori.

 Per conoscere maggiori dettagli tecnici e i risultati di una ricerca analoga, scarica il secondo report annuale di Salesforce sullo stato dell'IT. In alternativa, puoi scaricare "IT Change Agent’s Handbook", per scoprire in che modo i team IT stanno gettando le basi per un futuro più produttivo.