Che cos’è il marketing? Con Marketing si intende l’insieme delle attività con cui un’azienda, un brand, un professionista, un ente pubblico entra in relazione con i propri clienti (o cittadini nel caso di un ente pubblico).

E invece il digital marketing cos’è? Quali sono i vantaggi del marketing digitale rispetto al marketing tradizionale? In cosa differisce dal Marketing tradizionale?

 

Cos’è il digital marketing

 

Il marketing, dicevamo, è da intendersi come l’insieme di attività che serve a gestire i rapporti con i clienti e con il mercato. Senza i clienti nessuna impresa, marchio o attività imprenditoriale potrebbe esistere. Compito del marketing, quindi, è da un lato capire cos’è veramente il valore per i clienti, dall’altro comunicare loro al meglio il valore dell’offerta dell’azienda.

Cos’è il digital marketing dunque? Ormai da anni il digitale è l’ambiente dove tutti – compresi i clienti attuali e potenziali di qualsiasi azienda – si informano, lavorano, comprano, esprimono opinioni. Se lo scopo del marketing è entrare e stare in contatto con i clienti là dove si trovano – quindi anche online –, il marketing digitale è il marketing che per raggiungere questi obiettivi sfrutta le potenzialità di strumenti e canali digitali (da soli o in sinergia con gli strumenti e i canali del marketing tradizionale, come stampa, radio, TV, telemarketing, marketing di persona).

Quali sono i vantaggi del marketing digitale rispetto al marketing tradizionale? In primo luogo, il digital marketing permette di targettizzare con maggiore precisione i destinatari dei messaggi. È più accessibile rispetto a molti canali tradizionali – dunque una buona opportunità anche per PMI e per chi non ha a disposizione budget faraonici – e i risultati sono più facilmente misurabili. Il digital marketing è anche piuttosto flessibile, sia dal punto di vista strategico che operativo: se qualcosa non funziona è facile adattare le strategie rapidamente. Infine, con il marketing digitale, è possibile coinvolgere potenziali clienti e dialogare con loro in ogni fase del customer journey.


Il marketing digitale in pratica

 

Cosa significa fare digital marketing in concreto? Vuol dire usare un ventaglio di tattiche, strumenti e canali digitali per conoscere il mercato e la domanda del prodotto/servizio della tua azienda; per generare, comunicare e trasferire il valore della tua offerta ai clienti in modo efficace, secondo una strategia e, infine, per misurare sistematicamente i risultati.

Ecco un possibile elenco (ovviamente non esaustivo) di strumenti, canali e tattiche per fare marketing digitale:

  • Affiliate marketing: promozione del prodotto o servizio a una terza parte condividendo link che tracciano le conversioni sul suo sito, canali social, newsletter etc.

  • Content marketing: diffusione di articoli di blog, ebook, infografiche, podcast, video…

  • Contenuti sponsorizzati: blog, video o contenuti creati da un influencer.

  • Digital analysis (o digital analytics): tattiche e strumenti per monitorare le metriche di sito web, social, app, email marketing, advertising etc. tramite piattaforme d’analisi interne o esterne.

  • Email marketing

  • Inbound marketing: pubblicazione di contenuti di qualità (cioè utili) per i tuoi clienti nei canali giusti al momento opportuno (rispetto alla fase del loro customer journey), in modo da “attirarli” verso l’azienda o uno specifico prodotto.

  • Influencer marketing: fa leva sulla reputazione o sull’ampiezza del pubblico di un soggetto, che può essere un blogger, uno youtuber, un account social molto seguito, un personaggio famoso…

  • Instant messaging marketing: con SMS o messaggi su app di messaggistica come WhatsApp.

  • Marketing automation: tattiche e strategie con le quali automatizzare e ottimizzare le campagne di digital marketing condotte per mezzo di email, social media etc.

  • Mobile marketing: nato con gli SMS una ventina d’anni fa, si è evoluto diventando una componente a tutto tondo del digital marketing, tanto che l’approccio mobile first è ormai consolidato da tempo.

  • Social media advertising: post sponsorizzati sulle bacheche di Facebook, Instagram, LinkedIn o gli articoli di blog sponsorizzati.

  • Online PR (o digital PR): forma evoluta di relazioni pubbliche, che vengono intessute online non solo con giornalisti, ma anche con clienti (e più in generale utenti), blogger, influencer e così via.

  • Pay per click (PPC): advertising attraverso l’uso dei social network o per la keyword advertising (Google Ads su tutte).

  • Search engine marketing (SEM): comprende SEO, keyword advertising e altro.

  • Search engine optimization (SEO): ottimizzazione per i motori di ricerca per il sito, l’ecommerce, il blog etc.

  • Social media marketing: sfrutta i social media, cioè social network, app di messaggistica istantanea, blog etc.

 

Quali sono le priorità degli esperti di marketing? Scopri le impressioni di 8.200 marketer di tutto il mondo nella settima edizione del report State of Marketing