Skip to Content

Perché i CFO moderni dovrebbero essere esperti di AI

Il ruolo dei CFO sta cambiando rapidamente. Leggi il nostro blog post per capire l'impatto dell'AI e le domande che i CFO dovrebbero porsi.

Nell’attuale panorama aziendale in rapida evoluzione, il ruolo del CFO ha subito una trasformazione significativa, con un aspetto cruciale: la necessità per i CFO moderni di diventare esperti di AI.

Le incertezze economiche causate da varie crisi stanno rendendo il lavoro dei CFO più difficile che mai. Come CFO, non siete solo una figura importante, ma state diventando sempre più un partner strategico. Siete responsabili della crescita redditizia e dello sviluppo delle vendite, e siete co-decisori del percorso tecnologico e innovativo dell’azienda. Ciò include la creazione di nuove fonti di reddito, come i canali e i servizi online. Dovete, tra l’altro, essere sempre aggiornati sulle tendenze del mercato e comprendere il comportamento dei clienti nel panorama digitale, il che a sua volta richiede una solida conoscenza del marketing e della tecnologia digitale. Dovete adattarvi ai rapidi cambiamenti tecnologici ed essere esperti di intelligenza artificiale. Queste conoscenze sono fondamentali per raggiungere obiettivi quali il miglioramento dell’efficienza, la riduzione del time to value e, in ultima analisi, la crescita economica, anche in condizioni difficili.

Soprattutto in tempi di crisi, è necessario investire con saggezza. In primo luogo, le aziende sono alla ricerca di tecnologie che migliorino l’efficienza, soprattutto in presenza di budget limitati, garantendo al contempo risparmi sui costi a lungo termine, valore aggiunto e un forte ritorno sugli investimenti.

Inoltre, gli investimenti tecnologici possono portare a una crescita significativa dei ricavi, sia nelle linee di fatturato nuove che in quelle esistenti. In che modo le aziende possono effettuare i giusti investimenti tecnologici durante la crisi per ottenere vantaggi a lungo termine?

La riduzione della complessità porta quasi organicamente a una maggiore efficienza, produttività e opportunità di crescita dei ricavi. Il consolidamento dei sistemi è la chiave e anche il punto di partenza per diventare un’azienda data-driven pronta alla trasformazione AI.

Lesa McDonagh, Vice President, International Go to Market Finance Leader at Salesforce

L’alba di una nuova era

Il 2023 segna l’alba di una nuova era di AI e automazione, che ridefinirà il modo in cui le aziende lavorano e interagiscono con i loro clienti. Questa ondata di AI generativa sarà più rivoluzionaria di qualsiasi innovazione tecnologica precedente. È chiaro che le aziende hanno bisogno di una strategia digitale che rafforzi l’attuale resilienza, aumenti la produttività e incrementi l’efficienza. È necessario avere una mentalità orientata al futuro, per stare al passo con i progressi del settore e soddisfare le crescenti aspettative di clienti e dipendenti.

Una recente indagine interna di Salesforce* ha rivelato che circa la metà dei CFO sta investendo nell’AI e molti altri ne stanno valutando il potenziale. L’evoluzione del panorama dell’AI sta cambiando il ruolo dei CFO, che devono considerare attentamente l’integrazione dell’AI nella loro azienda.

In qualità di CFO, ora è necessario considerare con attenzione l’AI, poiché la curva di adozione sta crescendo rapidamente. Con i cambiamenti organizzativi, la comprensione dell’intelligenza artificiale è essenziale. Le aziende devono sfruttare il potenziale dell’AI per beneficiare delle enormi opportunità di differenziarsi dalla concorrenza globale, aumentare la produttività e raggiungere il successo economico.

Nessuna AI senza qualità dei dati

L’intelligenza artificiale finirà per interessare tutti i reparti e i flussi di lavoro. Una volta che i modelli linguistici di grandi dimensioni (LLM) supereranno gli attuali casi d’uso nella creazione e nell’analisi dei contenuti e inizieranno a essere ampiamente utilizzati per il processo decisionale e l’automazione dei flussi di lavoro, si compirà un significativo progresso.

Mentre gli LLM di base costituiranno la spina dorsale dell’AI generativa, le aziende adotteranno anche una combinazione di modelli linguistici più piccoli e specifici per il dominio per motivi di costi, prestazioni e latenza. Tutto questo è possibile solo se l’AI è supportata da dati accurati e completi. Investire nell’armonizzazione dei dati sarà quindi una priorità assoluta per i CFO. A ciò si aggiunge la definizione di protocolli di governance dei dati e il mantenimento di una forte cultura dei dati nei team interfunzionali.

Nel 2024, la democratizzazione dei dati e delle analisi attraverso l’AI continuerà a guadagnare slancio. I dati e le analisi diventeranno più proattivi grazie all’identificazione automatica di modelli insoliti nei dati aziendali, offrendo approfondimenti in un linguaggio semplice e consentendo agli utenti di porre domande e ricevere risposte immediate senza dover ricorrere all’assistenza di un analista di dati. Dato il previsto aumento del volume totale dei dati, in media del 23%, nei prossimi 12 mesi, è di fondamentale importanza garantire la qualità dei dati come base per l’utilizzo dell’AI generativa, il più rapidamente possibile.

Domande che i CFO dovrebbero porsi sull’AI

Per sviluppare una strategia di successo nell’era dell’AI (e della rivoluzione dei dati), ecco una lista di domande che fornisce una guida iniziale e fondata:

  • Modellazione finanziaria per gli investimenti nell’AI: come possiamo sviluppare modelli finanziari sofisticati per prevedere con precisione il ROI degli investimenti in AI, incorporando scenari dinamici come i cambiamenti nella quota di mercato e le efficienze operative?
  • Tecniche avanzate di valutazione del rischio: quali analisi avanzate possiamo utilizzare per valutare i rischi associati all’AI, compresi i rischi di modello, operativi e strategici?
  • Valore aggiunto economico (EVA) dell’AI: come possiamo valutare le iniziative di AI in termini di valore aggiunto economico per dare priorità agli investimenti che si allineano alla massimizzazione del valore per gli azionisti?
  • Impatto dell’AI sulle operazioni di finanza aziendale: in che modo l’AI può rivoluzionare le funzioni finanziarie tradizionali come la contabilità, la revisione contabile e la conformità, e quali sono le implicazioni per la ristrutturazione e l’aggiornamento della forza lavoro?
  • L’intelligenza artificiale nelle previsioni e nella pianificazione finanziaria: in che modo l’AI può migliorare l’accuratezza delle nostre previsioni e pianificazioni finanziarie e quali sono i metodi per utilizzare l’AI per identificare tendenze e modelli in grandi insiemi di dati?
  • Integrazione con l’analitica avanzata e i Big Data: come possiamo garantire che la nostra strategia di AI sia strettamente integrata con la più ampia strategia di analisi e big data dell’organizzazione?
  • L’AI nella strategia competitiva: come possiamo utilizzare l’AI come risorsa strategica per ottenere un vantaggio competitivo, ad esempio attraverso esperienze personalizzate per i clienti e analisi di mercato avanzate?
  • Governance dell’AI e quadro etico: come possiamo stabilire un quadro di governance che includa l’uso etico dell’AI, garantendo standard di equità, trasparenza e responsabilità?
  • AI sostenibile e considerazioni ambientali: come possiamo incorporare la sostenibilità nella nostra strategia di AI, considerando l’impatto ambientale dei centri dati e della formazione dell’AI?

Conclusione

Identificando i giusti casi d’uso e integrando i vostri dati, l’AI può aiutarvi a fare previsioni informate e ad automatizzare le attività. In questo modo si sblocca la capacità di concentrarsi su attività produttive, creative e redditizie, che portano a un maggiore successo, crescita, resilienza e adattabilità, soprattutto in tempi incerti. In qualità di CFO moderno, comprendere il potenziale di strategie come l’automazione e il consolidamento delle piattaforme vi consente di dare un contributo decisivo alla futura redditività della vostra azienda.

*Fonte: Sondaggio quantitativo di Salesforce per l’anno fiscale 24 tra n=250 direttori finanziari di AMER (Stati Uniti, Canada), EMEA (Regno Unito, Germania, Francia), Giappone, APAC (Australia) e LATAM (Brasile).

Salesforce Italia

I nostri blog post direttamente nella tua casella di posta: iscriviti per ricevere la nostra newsletter bisettimanale!