Utilizziamo i cookie per rendere le interazioni con i nostri siti internet e servizi più semplici e utili, per comprendere meglio in che modo essi vengono utilizzati e per personalizzare la pubblicità. Potete leggere maggiori dettagli al riguardo ed effettuare le vostre scelte sui cookie qui. Continuando a navigare su questo sito, ci date il vostro consenso all'utilizzo dei cookie.

Questa settimana, nell’ultimo episodio di Marketing Cloudcast esploreremo il mondo del marketing di prodotto. Parleremo con Eric Stahl, veterano del marketing di prodotto e Senior Vice President di Salesforce Marketing Cloud per il marketing di prodotto. Scopriremo gli effetti del marketing sui componenti chiave di un’azienda come vendita, assistenza clienti e altro.

Ascoltate la conversazione completa e iscrivetevi su Apple Podcasts, Google Play Music, Stitcher o qualsiasi altro programma utilizzato per ascoltare i podcast. Se desiderate proporre un argomento interessante per Marketing Cloudcast, contattateci.

Ecco i punti più interessanti dell’episodio:

1. Mostrare empatia

Nel marketing di prodotto occorre pensare al cliente finale e creare valore dal suo punto di vista, sotto forma di conoscenza e generazione delle vendite. “Se penso a un esperto di marketing di prodotto veramente capace, per sintetizzarne le capacità in una singola parola parlerei di empatia”, afferma Eric, e non si riferisce solo all’empatia per il cliente. Si tratta anche dell’empatia nei confronti di un nuovo responsabile commerciale che sta ancora cercando di comprendere la vostra azienda, cosa fate e qual è la vostra proposta di valore, per poi colpire nel segno. Pensate a chi dovrà leggere il messaggio e a quale sarà la sua esperienza?

Per Eric, “Se non riuscite a tracciare una linea che colleghi questa attività a conoscenza, traffico, lead, pipeline e vendite, probabilmente state lavorando alla cosa sbagliata”.

 

2. Creare un messaggio accattivante

Secondo Eric, il punto è che “I clienti non vogliono ricevere messaggi di marketing, vogliono imparare”. Pertanto, dovete riuscire a creare messaggi e contenuti interessanti, che li convincano a spendere il proprio tempo per qualcosa di valore, qualcosa che arricchirà le loro competenze e li aiuterà a lavorare meglio, ma dovete sempre ricordare che si tratta di uno scambio.

L’altro segreto consiste nel misurare l’efficacia delle vostre iniziative. Gli utenti fanno effettivamente clic sui vostri annunci o aprono le vostre e-mail? Finiscono per visitare il vostro sito Web? Se presentate loro un’offerta, ne approfittano? Potete migliorare un’iniziativa solo se iniziate a misurarla.

 

3. Se il marketing per i prodotti fosse un film…

Abbiamo posto a Eric una domanda originale: se il marketing di prodotto fosse un film, di che genere sarebbe? Ci ha fornito una risposta davvero interessante: “Innanzitutto, è un thriller d’azione, perché corriamo il più possibile, ogni giorno, verso un obiettivo a breve termine”, afferma Eric, “e c’è sempre qualcosa che ci aspetta”. Al tempo stesso, è un dramma, perché devi trattare all’interno di un’organizzazione schematica, dove non tutti hanno sempre le stesse priorità nello stesso momento.

Infine Eric aggiunge, “Direi che è come un documentario. Quando vedi tutte quelle mascotte che si agitano sulla scena, sembra tutto molto divertente, ma dietro le quinte c’è una gigantesca macchina che pensa a budget e programmi, e a come gestire centinaia di esperti di marketing che lavorano a un determinato progetto in un determinato momento”. Sembra davvero un gran caos!

 

4. Il mutevole contesto del marketing di prodotto

Oggi viviamo in un’epoca di cambiamenti rapidi su vasta scala, che hanno modificato radicalmente le possibilità degli esperti di marketing e le modalità con cui possono trasmettere i propri messaggi. Facebook e iPhone hanno poco più di dieci anni. Quando Eric è passato a Salesforce, c’erano solo poche migliaia di dipendenti, mentre oggi sono 30.000.

“Questo è proprio quello che mi motiva”, afferma Eric. “Lavorare con persone spiritose, talentuose, intelligenti e preparate, come te, Megan e il resto del team, così come il semplice fatto di lavorare per un’azienda che apprezza la creatività, ma ottiene anche risultati concreti. È una combinazione straordinaria di tutti questi elementi”.

 

5. Cosa contraddistingue un Trailblazer?

Molti importanti produttori di software parlano dei propri clienti e dei risultati di business che ottengono: “la tale banca ha aumentato del 20% i tassi aperti di fine anno”. Ma in realtà, chi sono le persone dietro questi risultati? Come usano i nostri prodotti? In che modo il nostro prodotto contribuisce a migliorare la loro vita privata, oltre a quella professionale, e come migliora il business per cui lavorano?”.

Un trailblazer è una persona come Stephanie Herrera, che è riuscita a diventare Amministratore Salesforce presso Dell. Questo ha cambiato la sua vita privata e professionale. In seguito Stephanie ha trovato il modo di insegnare ad altri a utilizzare Salesforce e ha ricambiato la community tramite Women in Tech. Non si tratta solo di un’eccellente strategia di marketing, ma è anche un modo per ottenere un impatto più profondo, rispetto all’incremento dei tassi aperti di una banca.

Per saperne di più, seguite l’episodio completo di Marketing Cloudcast. Unitevi a migliaia di altri pionieri iscritti a Cloudcast su Apple Podcasts, Google Play Music, Stitcher o Overcast.